Programma ARCA

Ambasciatori di Ricerca, Conoscenza, Ambiente

Programma ARCA è il progetto di comunicazione scientifica che ha come obiettivo principale quello di comunicare al grande pubblico attraverso un format audio e il video che coinvolgerà sia i canali televisivi che quelli digitali, con un linguaggio semplice e comprensibile,  le attività di ricerca, monitoraggio e tutela del territorio, che ogni giorno le istituzioni scientifiche e le forze Armate compiono per salvaguardare l’ambiente, il territorio e la popolazione.

ARCA nasce dalla collaborazione con le più importanti istituzioni italiane, promosso dal CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) CNR Irsa (Istituto di Ricerca sulle Acque), l’Università di Bari Aldo Moro, la Jonian Dolphin Conservation (monitoraggio e la tutela dei delfini e dei cetacei nel Mar Ionio), ARPA Puglia (monitoraggio e la tutela ambientale), ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Con il patrocinio delle Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, e l’interesse del Ministero della Salute, MIUR (Ministero della Pubblica Istruzione) e ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca).

Programma ARCA è il progetto che vede per la prima volta la collaborazione delle più importanti e autorevoli istituzioni italiane, che insieme lavorano per il monitoraggio e la tutela del territorio.

Cambiamenti climatici

L'alterazione dell’andamento climatico è ormai un dato oramai acquisito, come anche gli effetti sull’incremento delle temperature, sulla biodiversità e la distribuzione delle specie, sull’evaporazione e sui consumi idrici.

Inquinamento della terra e dei mari

L’intervento dell’uomo in età moderna nei confronti dell’ambiente è molto più impattante più che nel passato, e la forte dipendenza energetica da prodotto fossili e organici ne aumenta le problematiche.

Produzione rifiuti solidi e liquidi

È poca cura del trattamento e smaltimento dei rifiuti organici, antropici e animali. Il veloce progresso tecnologico ha spinto l’uomo a rendere rifiuto ogni oggetto in maniera più veloce rispetto al passato.